L’umanità dispersa

È l’essere umani che ci rende esseri umani.

Lo ripeto spesso. Guardo le notizie dal mondo e penso. E ripenso a cosa siamo diventati. Siamo tutti rifugiati su questo pianeta. Ma così non è. Esseri umani di serie A e di serie B. Abbiamo creato disparità che non sono facilmente sanabili. Razzismo e xenofobia imperversano. Guerre atroci e fratricide dilaniano ancora territori meravigliosi, luoghi e persone stupende. Diffidiamo del prossimo al punto di negare l’accoglienza. Lasciamo al freddo ed al gelo migranti ad un confine erigendo muri. Ignoriamo l’esistenza dei senzatetto. Delinquenza e terrorismo distruggono le vite umane, inquinano la società moderna che di moderno ha ben poco, se non qualche giocattolo tecnologico. Ma è questa la modernità? Modernità di muri che abbiamo eretto dentro i nostri cuori? L’umanità è egoista. Diciamolo. Esseri umani, pensanti, con l’anima. Che si uccidono fra loro. E’ normale? No. Neanche gli animali si uccidono senza regole. C’è un appiattimento totale della capacità di relazione umana. Che è sensibilmente diversa dalla pura relazione sociale. Quest’ultima cresce a dismisura in modo orizzontale, come quantità ma non come qualità. Guardo i bimbi nella fotografia e penso: la purezza è bellezza. Nessun pregiudizio. Nessuna paura. Solo curiosità per la diversità. Quella diversità che ci arricchisce, sempre. E che mano mano che cresciamo, infarciti dagli stereotipi che metabolizziamo, facciamo fatica ad accettare. E che diventa violenza, verso gli altri, quasi alla ricerca ancestrale del predominio dettato dalla sopravvivenza. Ma forse alla sopravvivenza dovremmo dedicare altre attenzioni. E ben altri sforzi. Far sì che il progresso non ci faccia scomparire attraverso l’inquinamento globale. Che ci sta uccidendo lentamente. Su questo dovremmo lottare insieme. Perché non abbiamo un posto alternativo alla terra dove andare, anche se da come ci comportiamo, distruggendoci gli uni con gli altri, e distruggendo la terra, parrebbe di sì.

Contro-tendenza#

Lo Sbadiglio – Quando un bambino si uccide…

Quando un bambino si uccide, è un cortocircuito dell’umanità. Ne ho letto ieri su Torino, aveva 12 anni. “Voglio sparire” sembra ci fosse scritto in un diario. Quando un bambino così giovane trova il coraggio di farla finita, io mi sento sconfitto. Come uomo. Come padre. Per tutti gli uomini e tutti i genitori.

Continua a leggere Lo Sbadiglio – Quando un bambino si uccide…

Lo Sbadiglio della Domenica – La Geografia che non avrei voluto imparare

di Giovanni Bertolini.

Appeso al muro della scuola elementare ricordo la carta geografica dell’Europa e Paesi del Mediterraneo. Per quello studente col grembiule nero e colletto bianco, la Siria era una Nazione con due città: Aleppo e Damasco.

Fin da piccolo mi appassionano i mondi lontani. Tuffarsi nell’Atlante Geografico DeAgostini cercando i nomi delle piccole città, consumare ogni pagina di quella carta spessa e colorata era per me un modo di viaggiare con la fantasia.siria1

Negli anni ’80 fu anche l’epoca di raggiungere virtualmente quei luoghi, seppur solo con la voce, con l’ausilio delle onde radio. In alcune occasioni avevi la sensazione di essere al centro degli eventi, consapevole che di lì a qualche anno avresti letto la narrazione storica di quanto stava accadendo.

Continua a leggere Lo Sbadiglio della Domenica – La Geografia che non avrei voluto imparare

Lo Sbadiglio – Diritti Umani: ma oggi che valore hanno?

Si è celebrata il 10 dicembre la giornata mondiale dei Diritti Umani. Ed oggi rifletto sul valore che l’umanità stessa attribuisce ancora a questa parola: diritti. E mi chiedo il senso di una giornata celebrativa, come tante altre che ormai si susseguono nel calendario. E’ la giornata dell’ipocrisia? Per me un po’ si. Dico spesso: “è l’essere umani che ci rende esseri umani”. E’ l’essenza di umanità che ci rende razza superiore, eletta. Umana. Non è certo una giornata di celebrazione che interrompe il continuo calpestare dei nostri diritti umani in ogni parte del mondo. Guerre sanguinarie con ghettizzazione di intere etnie, razze, popolazioni. Lager di presunta accoglienza dove si vive in condizioni disumane di prigionia. Donne usurpate, calpestate e vittimizzate. Uomini schiavizzati. Bambini sottoposti a terribili oscenità, che li costringeranno a vivere nel buio per sempre.

Continua a leggere Lo Sbadiglio – Diritti Umani: ma oggi che valore hanno?