Cape Epic: anche la sesta tappa è conclusa ora il Gran Finale/ Stage 6 achieved now the Grand Finale

English follow

DONATION FOR KIDS HERE / PER DONARE QUI  

Una giornata abbastanza fresca ha consentito ad Angelo e Johan di poter recuperare ulteriori 6 posizioni con un bel risultato. 76km impegnativi con salite per 2000mt circa hanno comunque messo a dura prova i nostri eroi che alla fine si sono concessi anche uno “scatto” in arrivo al traguardo. DSC_6892 Salite miste a discese tecniche anche oggi hanno richiesto buon allenamento e buona tecnica per portare a casa il risultato finale, con un tempo complessivo di 5h 30m. Ben fatto ragazzi! Ora ci aspetta il Grand Finale, a Val De Vie, un percorso di 70 km con salite per 2000mt, ancora decisamente impegnativo. Anche questa Cape Epic si avvia alla fine e noi siamo felici di aver raccolto i fondi per i bambini di strada. Manca una ultima tappa, aiutateci anche voi con il vostro concreto supporto. Ci contiamo!!

A fairly fresh day allowed Angelo and Johan to recover 6 more positions with a good result. 76km challenging with climbs for about 2000m, however, have put a strain on our heroes who in the end have also given a “shot” coming to the finish line. Mixed ascents to technical descents today also required good training and good technique to bring home the final result, with a total time of 5h 30m. Well done guys! Now we have the Grand Finale, in Val De Vie, a 70 km route with climbs for 2000 meters, still quite challenging. Even this Cape Epic starts at the end and we are happy to have collected funds for street children. One last stage is missing, help us too with your concrete support. We count on it !!

Cape Epic: La Queen Stage è stata epica/ The Queen Stage has been “Epic”

DONATE QUI – DONATIONS HERE FOR STREET KIDS

English follows

Angelo and Johan sono stati anche loro epici, arrivando in 7h e 57m nella tappa più difficile di tutte. Tante salite, tanti sentieri per un percorso molto tecnico che li ha impegnati completamente, sia con le gambe che con le braccia, soprattutto per le discese fra sabbia, roccia, ghiaia. Un percorso stupendo, che nel suo picco massimo li ha portati a superare il passo del Bains Kloof, che domina la meravigliosa vallata di Wellington, ricca di vigneti e oliveti. Ma anche questa è fatta! Recuperate ulteriori 25 posizioni, ed oggi ci aspetta la tappa a cronometro, dove speriamo che possano recuperare ancora. Ora tocca a voi ed al vostro supporto per donare per i bambini di strada. Vi aspettiamo!!

Angelo and Johan were also epics, arriving in 7h and 57m in the most difficult stage of all. So many ascents, many paths for a very technical course that has committed them completely, both with legs and arms, especially for the descents between sand, rock, gravel. A wonderful route, which at its peak has led them to overcome the passage of the Bains Kloof, which dominates the wonderful Wellington valley, rich in vineyards and olive groves. But this is done too! Retrieved a further 25 positions, and today we await the time trial stage, where we hope to recover again. Now it’s up to you and your support to donate to street children. We are waiting for you !!

Cape Epic: il giorno più lungo/The longest day

ENGLISH FOLLOW

PER DONARE/DONATIONS HERE

122km con 2000mt di scalata complessiva è stato il giorno con più tempo lasciato sicuramente sul sellino. Tappa lunga, insidiosa e sfiancante che toglie il fiato alla prossima tappa, “The Queen Stage”, la tappa regina, dove tutto l”allenamento messo in campo sinora, sarà determinante per superarla. Oggi il tempo fresco, il vento e qualche accenno di pioggia hanno sicuramente favorito la prestazione che ha traguardato un tempo comunque soddisfacente di 7h e 15m. Questo ci ha consentito di recuperare ben 28 posizioni in classifica generale, aspetto non banale. Domani siamo pronti. Voi siete pronti per donare per i Bambini di Strada? Noi ci contiamo!!

122km with 2000mt of total climb was the day with most time left definitely on the saddle. A long, treacherous and exhausting stage that takes your breath away at the next stage, “The Queen Stage”, the queen stage, where all the training put in place so far, will be decisive for overcoming it. Today the cool weather, the wind and some hints of rain have certainly favored the performance that has achieved a satisfying time of 7h and 15m. This allowed us to recover a good 28 positions in the general classification, which is not trivial. We are ready for tomorrow. Are you ready to give for street children?

We count on YOU!!

Cape Epic: la seconda tappa è raggiunta / Stage 2 achieved

English follow

DONATING HERE/PER DONARE QUI

Con 6h3 54m abbiamo portato a casa anche la seconda tappa. E’ stata difficile, non possiamo negarlo ma abbiamo dato il massimo. Prima parte più facile, poi diverse salite importanti con sentieri singoli  hanno rallentato il nostro cammino. Alla fine siamo riusciti a mantenere la media e non perdere troppe posizioni.

img_0317.jpg

Domani ci aspetta “The longest day “, la tappa più lunga, quella che ogni anno mette davvero a dura prova i ciclisti. 122km con un dislivello di 1800 metri totali saranno ingredienti che ci daranno filo da torcere, ma noi non molleremo. Mai. Per i Bambini di strada e per la nostra raccolta fondi. Non mollate neanche voi ed aiutateci a regalare loro un futuro migliore. Ci contiamo.

With 6h3 54m we also brought home the second stage. It was difficult, we can not deny it, but we gave it our all. First part easier, then several major ascents with single tracks, have slowed our journey. In the end we managed to keep the average and not lose too many positions. Tomorrow we await “The longest day”, the longest stage, which every year really puts the riders to the test. 122km with a total drop of 1800 meters will be ingredients that will give us a hard time, but we will not give up. Never. For street children and for our fundraising. Do not give up either and help us to give them a better future. We count on it.

Cape Epic: La prima tappa non ci ha fatto paura / Stage 1 didn’t scared us

english follow

PER DONARE/DONATE 

Oggi è iniziata la vera sfida. 110 km con 1900 metri di dislivello potevano fare paura, ma abbiamo reagito alla grande. Abbiamo realizzato un tempo di 6h 50m per noi soddisfacente rispetto alle 7,30 che ci eravamo prefissati. La salita è stata molto difficoltosa ma siamo riusciti a superarla senza perdere troppe posizioni. Certo potevamo fare di più ma la scelta dell’organizzazione di quest’anno ha concentrato nelle  prime quattro tappe il grosso della fatica da spendere, quindi stiamo gestendo al meglio le energie. Domani ci aspetta ancora una tappa molto impegnativa ma siamo carichi e contiamo di migliorare il nostro tempo medio. Corriamo per una causa importante, quella dei bambini di strada  del Sudafrica e contiamo di correre insieme a voi. Donate anche un piccolo contributo perchè il futuro dei bambini non sia in pericolo. Contiamo su di voi per questa sfida, la nostra la stiamo già correndo. Vi aspettiamo sul sito delle donazioni.

Today the real challenge has begun. 110 km with 1900 meters in altitude could be scary, but we reacted to the big one. We made a time of 6h 50m satisfactory for us compared to 7.30 that we had set. The climb was very difficult but we managed to overcome it without losing too many positions. Of course we could do more but the organization’s choice of this year has concentrated in the first four stages the bulk of the effort to spend, so we are managing the best energies. Tomorrow we still have a very demanding stage, but we are loaded and we hope to improve our average time. We are running for an important cause, that of South African street children and we are counting on running with you. Donate even a small contribution because the future of children is not in danger. We are counting on you for this challenge, we are already running for it. We look forward to seeing you on the donation website

 

Cape Epic: prologo fatto! – Prologue achieved!

ENGLISH FOLLOW

PER DONARE/DONATE 

Nella meravigliosa cornice dell’Università di Cape Town,  il prologo è stato portato a casa! Tempo 1h 17m, per i 20 Km che hanno impegnato Angelo e Johan, in un percorso misto con una salita di circa 600mt nelle meravigliose pendici della Table Mountain. Ad attenderli una cornice di grande festa per questa tappa cittadina, con tantissimi bambini e famiglie al traguardo. Oggi è stato solo un riscaldamento perché già da domani, la sfida si fa più intensa, con una tappa impegnativa di 110km, con un dislivello di 1900 metri nell’area di Robertson, tappa quotata 3 ruote e mezzo di difficoltà. Ormai non si torna indietro e la sfida continua! La fida per raccogliere i fondi per i bambini di strada. Seguite la nostra avventura su tutti i social e soprattutto donate un piccolo contributo per i bambini, per regalare loro un futuro migliore. Vi aspettiamo!

In the wonderful setting of the University of Cape Town, the prologue has been brought home! Time 1h 17m, for the 20 km that have engaged Angelo and Johan, in a mixed path with a climb of about 600mt in the wonderful slopes of Table Mountain. Waiting for them a great party setting for this city stage, with lots of children and families at the finish line. Today it was just a warm-up because as early as tomorrow, the challenge becomes more intense, with a challenging stage of 110km, with a height difference of 1900 meters in the Robertson area, a three-wheeler and a half-odd stage of difficulty. Now you do not go back and the challenge continues! The trust to raise funds for street children. Follow our adventure on all social networks and above all give a small contribution to the children, to give them a better future. We are waiting for you!

 

Lo Sbadiglio – Perchè Correre in bicicletta per i Bambini di Strada – 2^ parte – Why riding for street children part two

English follow

PER DONARE/DONATE  —>Crowdfunding

La causa dei bambini di strada è una causa importante. Le cui dimensioni non sono facilmente misurabili, sia per entità del fenomeno, sia per i riflessi socio economici che esso comporta nelle generazioni, oltre che per la destabilizzazione sociale che apporta nei contesti in cui si sviluppa. Molto di tutto ciò dipende dalle condizioni di povertà estrema in cui vivono i bambini. Alcuni numeri tratti dalla fonte Unicef:

Continua a leggere Lo Sbadiglio – Perchè Correre in bicicletta per i Bambini di Strada – 2^ parte – Why riding for street children part two

Lo Sbadiglio della Domenica – Cape Epic: correre per i bambini di strada del Sudafrica – Ride for Street Kids of South Africa

English follow

Saranno 8 lunghi giorni di coraggio e fatica quelli che Angelo Casu, Direttore della Country House Grand Dedale, e Johan Fourie, General Manager della Doolhof Wines, una cantina nella Wine Route del Drakenstein, affronteranno a partire dal 18 marzo.

La causa è importante: aiutare i bambini di strada attraverso una raccolta fondi. La sfida nella sfida.

Angelo è Italiano, Sardo di origine, ed è alla sua terza volta. Se arriverà al traguardo, potrà ricevere il titolo di “Amabubesi” e far parte dell’Absa Cape Epic Finisher Club, riconoscimento di prestigio all’interno della gara.

Johan è Sudafricano, un veterano. Di Cape Epic ne ha completato sei. Ed è alla sua settima sfida.ajband

La sua esperienza è fondamentale.

Insieme sono affiatati, preparati e vogliono arrivare al traguardo.

Il Team corre per Street Smart South Africa, una onlus che si occupa di dare un futuro ai bambini di strada, attraverso raccolte fondi dal commercio etico nell’ambito della ristorazione. Dal 2005 raccoglie donazioni dai ristoranti sudafricani che hanno aderito a questa causa, e che devolvono parte del loro incasso in beneficienza, proprio per dare un futuro a questi piccoli sfortunati.strada1

Il problema dei bambini di strada è mondiale. I bambini di strada si possono trovare nella maggioranza delle città e metropoli dei paesi del mondo; il fenomeno è più diffuso nelle a più alto e veloce sviluppo urbano e nelle regioni più economicamente instabili, in special modo dell’Asia, Africa, Sudamerica, ma anche in Europa Orientale.

Al fianco di Angelo, Johan e Street Smart quest’anno c’è la Morgenster Wine & Olive Estate, una farm storica nata nel 1711, che produce prestigiosi vini in stile Bordeaux e olio extra vergine di oliva di grande qualità.

Insieme hanno deciso di formare il team StreetsmartMorgensterSA che correrà questa gara massacrante, selvaggia, unica nel suo genere per il circuito Mountain Bike Mondiale.

Nella sezione professionistica, sono presenti alla gara i più grandi nomi del Ciclismo “off road” mondiale, che si sfidano anch’essi per il campionato mondiale.

La Cape Epic è un evento mediatico  di grande rilievo per il settore dell’off road.

E’ una gara molto impegnativa, che si svolge ogni anno nella parte sud del Sudafrica, fra vigneti e panorami spettacolari. Quest’anno verranno percorsi circa 658km, con un dislivello di 13530mt e con quattro tappe consecutive che supereranno i 100km.

Otto giorni davvero massacranti, con temperature abbastanza torride, che superano in media i 30 gradi, aspetto che mette a dura prova i corridori.

Sarò anche io in Sudafrica a supportare il Team attraverso i canali Social e questo sito, al fine di aggiornare tutti i lettori sull’andamento della gara e dei nostri due Eroi per sensibilizzare sulla raccolta fondi per questi ragazzini così sfortunati e indifesi che hanno tanto bisogno di trovare punti di riferimento forti ed un futuro che li possa portare via da deprivazioni, abusi, violenze, droga e delinquenza.

Tutti noi, contiamo sul vostro concreto supporto.

PER DONARE —-> Crowdfunding

VIDEO CAPE EPIC 2017 E RINGRAZIAMENTI

ENGLISH TEXT

It will be 8 days of courage and effort that Angelo Casu, Director of the Country House Grand Dedale, and Johan Fourie, General Manager of Doolhof Wines, a winery in the Wine Route of Drakenstein, will face starting from 18 March.
The cause is important: to help street kids through fundraising. The challenge in the challenge.
Angelo is Italian, Sardinian of origin, and is on his third time. If he will arrive at the finish line, he can receive the title of “Amabubesi” and be part of the Absa Cape Epic Finisher Club, recognition of prestige within the race.

Johan is South African, a veteran. He has completed six of Cape Epic. And it is in its seventh challenge. Together
His experience is fundamental.
Together they are close-knit, prepared and want to reach the finish line.
The Team ride for Street Smart South Africa, a non-profit organization that takes care of giving a future to street kids, through fundraising from ethical trade in the catering sector. Since 2005, it has collected donations from South African restaurants that have joined this cause, and which donate part of their income to charity, just to give a future to these unfortunate kids.
The problem of street kids is worldwide. Street kids can be found in most cities and cities in the countries of the world; the phenomenon is more widespread in the higher and faster urban development and in the most economically unstable regions, especially in Asia, Africa, South America, but also in Eastern Europe.
Alongside Angelo, Johan and Street Smart this year there is the Morgenster Wine & Olive Estate, a historic farm founded in 1711, which produces prestigious wines in Bordeaux style and high quality extra virgin olive oil.
Together they decided to form the StreetsmartMorgensterSA team that will race this grueling race, wild, unique in its kind for the World Mountain Bike circuit.
In the professional section, the world’s biggest off-road cycling names are present at the race, which also compete for the world championship.
Cape Epic is a major media event for the off-road sector.
It is a very demanding race, which takes place every year in the south of South Africa, among vineyards and spectacular landscapes. This year around 658km will be covered, with a drop of 13530mt and with four consecutive stages that will exceed 100km.
Eight days really exhausting, with temperatures quite torrid, which exceed 30 degrees on average, an aspect that puts a strain on the riders.
I will also be in South Africa to support the team through the Social channels and this site, in order to update all readers on the progress of the race and our two Heroes to raise awareness on fundraising for these unfortunate and helpless young kids, who so badly need to find strong points of reference and a future, that can take them away from deprivations, abuses, violence, drugs and delinquency.
All of us, we count on your concrete support.