Lo Sbadiglio della Domenica – Il Fascismo (purtroppo) non è seppellito

di Roberto Furesi

Il fascismo non è seppellito.

I rigurgiti neofascisti sono evidenti, tangibili, ormai palesi su tutto il territorio nazionale.

Razzismo, antisemitismo, xenofobia, discriminazione. Siamo all’ordine del giorno con manifestazioni ed atti che attestano la presenza di forze militanti che professano i dogmi dell’eredità fascista.

Non dobbiamo far finta di non capire.

I recenti fatti di Macerata, la connotazione patriottica dell’attentatore, al di la della sua militanza politica nella Lega, le urla “l’italia agli italiani”, sono tutti segnali di un’ideologia populista molto vicina a quella fascista, di destra estrema. Fermo che si tratti comunque di un gesto criminale folle, da condannare fermamente nell’ambito di un alveo più ampio della violenza e del terrorismo, il contesto in cui si è svolto, le dinamiche e le vittime, tutti ragazzi di colore, non possono farci distrarre da ciò che rappresenta ideologicamente.

Continua a leggere Lo Sbadiglio della Domenica – Il Fascismo (purtroppo) non è seppellito

Lo Sbadiglio – Curva Sud: Anna Frank simbolo della speranza. Ma lo sport dove è finito?

homelessQuesti gli striscioni che vorrei vedere negli stadi. Quelli dello sport e della solidarietà. Basta con questi attcchi antisemiti spacciati per “goliardia”. Troppo spesso viene usata come giustificativo per le apologie del fascismo, nazismo e antisemitismo. Anna Frank è stata simbolo dei sogni, del riscatto e della speranza, morta di Nazifascismo, ed è nei cuori di tanti ragazzi. Lo sport deve incarnare altri valori. Ne parlo spesso. Scommesse, violenza, business esagerati, insieme a modelli e stili di vita discutibili. Attorno al calcio si è creata ormai un’industria che poco rappresenta i valori più alti dello sport vero. Almeno in quello di serie A.

Continua a leggere Lo Sbadiglio – Curva Sud: Anna Frank simbolo della speranza. Ma lo sport dove è finito?

Lo Sbadiglio – La spiaggia fascista non è fascista

apologiaProprio mentre la legge Fiano contro l’apologia al Fascismo sta per essere discussa al Senato, i PM richiedono l’archiviazione del famoso caso estivo della spiaggia di “Playa Punta Canna” vicino a Chioggia. E’ un segnale nei confronti della proposta di legge? Se fosse stata in vigore il procedimento sarebbe stato archiviato lo stesso? Il lido era tappezzato di ricordi del ventennio, che a detta del titolare erano semplicemente una parodia del “rigore e della diligenza” che accompagnava le regole balneari imposte ai bagnanti. Il tutto condito con annunci al megafono del tipo “I tossici devono essere sterminati”. Ma per i PM si tratta di “Articolazione del pensiero”, stravaganze insomma che non possono essere ricondotte ad una vera e propria apologia fascista.

Continua a leggere Lo Sbadiglio – La spiaggia fascista non è fascista