Lo Sbadiglio – To Brexit or not To Brexit: that’s the question

Ebbene si! Il grido di “What’s Europe?” che campeggiava durante la campagna pro-brexit nei vari Pub anglosassoni si è pacato. Sicuramente oggi la media del popolo inglese, forzatamente dopo i mesi in cui è stato necessario spiegare cosa comportasse l’uscita dall’Europa, ha capito che cosa volesse dire restare in Europa. Se oggi un sondaggio esprime il superamento del 10% del “NO” secco, beh la dice lunga di quanto all’epoca la disinformazione, e la propaganda abbia lavorato per il “SI”.

Continua a leggere Lo Sbadiglio – To Brexit or not To Brexit: that’s the question

Lo Sbadiglio – Smart City: dalla Milano da bere alla Milano da vivere

milanoAbitando a Milano dal 2008, ed avendola vista cambiare radicalmente sin dai primi anni ’80, non posso che confermare quanto attestato dalla classifica di ICity Rate 2017. E’ così. Milano è vivibile, nonostante ancora il tasso di inquinamento sia alto. Ma la fruibilità dei collegamenti, dei servizi, e degli eventi di questa città è davvero da numero uno. E non è una città elitaria. Milano vicino all’Europa, come diceva Lucio dalla tantissimi anni fa nella sua famosa canzone dedicata al capoluogo meneghino. Ed è oggettivamente vero, mai canzone fu lungimirante come quella, ed ancora attuale.

Continua a leggere Lo Sbadiglio – Smart City: dalla Milano da bere alla Milano da vivere

Lo Sbadiglio – Migranti: i dispersi di nessuno

migrantiAl largo della Libia sono dispersi 100 migranti in un naufragio, ma non sono più i “nostri” dispersi, ormai sono i dispersi di nessuno. Sono sopravvissuti in 40, ed hanno aspettato i soccorsi in mare per 3 giorni. Nel silenzio più totale. Vite spezzate, storie di disperazione che finiscono in tragedia in questo mare che ormai ne ha viste davvero troppe finire così. Chi non riesce ad arrivare a destinazione, viene riportato indietro, nei campi di accoglienza libici, che ormai sono diventati devi veri e propri lagher, come raccontato più volte dalle Organizzazioni Umanitarie, e dagli inviati. La stampa italiana ha spostato ovviamente il faro di interesse su questi fatti perchè gli stessi non hanno ormai nessun risvolto politico. Le storie di queste vite spezzate non possono più raccontare di battaglie politiche, di ONG ladre, di corruzione, di malaffare. E quindi non valgono più nessun “click”, nessun talk show, nessun dibattito. Sono morti di nessuno. Sono figlie della nuova indifferenza. Allora mi chiedo: ma sono state fatte le scelte giuste? Stiamo davvero cooperando con la Libia per garantire il minor numero di naufragi e di perdite di vite umane ? Siamo certi che la scelta di aprire i campi di accoglienza in Libia sia umanitariamente sostemibile? Ed aggiungo: dove sono finiti i contributi Europei recentemente stanziati per il supporto all’accoglienza in Italia? Sono finiti in Libia? Sono tutte domande che rivolgo al Ministro Gentiloni, ed al Ministro Minniti. Quale futuro è stato prospettato per questo scenario di migrazione, ad oggi ancora apocalittico? Voi che ne pensate?

Fonte Repubblica Qui

Photo credits: web