Lo Sbadiglio – Perdere l’EMA ai sorteggi è l’emblema dell’Unione Europea che non sa decidere

AGGIORNAMENTO: con sorteggio la sede dell’ABE, Agenzia Bancaria Europea è stata assegnata a Parigi.

Concordo con Beppe Sala quando dice che siamo stati l’unica città non Capitale ad arrivare alla votazione finale e questo è un grande risultato, che la dice lunga della bella strada che Milano ha fatto per affermarsi come centro economico europeo. Una città pronta ad accogliere sicuramente questa sfida. La sconfitta al sorteggio è ovviamente una beffa. Una “insolita procedura” come la chiama Francesca Venturi nel suo pezzo su AGI. Ed io dico una “solita Unione Europea”. Questa procedura è il simbolo di questa Unione Europea dove la politica arriva prima di tutto. E dove è chiara l’impossibilità oggettiva nel prendere decisioni strategiche. Una monetina decide l’assegnazione della sede di un’Agenzia fra le più importanti per la salute dei cittadini, con 900 dipendenti ed un indotto che non è soltanto di business, ma rappresenta il futuro della distribuzione di farmaci innovativi nell’Europa stessa, il veicolo di diffusione della ricerca scientifica sulle malattie. Vero che non bisogna rammaricarsi per questo risultato laddove la città di Milano ha fatto sistema e si è attestata vincitrice nelle prime due votazioni, dimostrando quindi la grande potenzialità che può esprimere. Ma è ormai divenuta inaccettabile la ridicola organizzazione Unitaria che a questo punto, con queste regole, va rifondata completamente. Bisogna davvero ripartire dai fondamentali per ricostruire un’identità perduta. Questa Unione è anacronistica e decontestualizzata dal mondo socio-economico che viaggia ad un’altra velocità, con altre esigenze di rappresentatività, di potere decisionale ed interventistico, di sostegno all’economia reale, di bisogni semplici ma importanti della comunità dei cittadini, e non solo della comunità finanziaria. Ora bisogna concentrarsi sull’ABE (Agenzia Bancaria Europea) altro organo decisionale importante per la tutela dei cittadini nei confronti dei mercati finanziari per la definizione delle regole. E su questa ulteriore sfida penso che Milano possa davvero fare la differenza.

Fonte: AGI

Photo Credits: ANSA

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...