Lo Sbadiglio – La buona scuola parte anche da noi genitori

scuolaProfessoressa presa a schiaffi da una mamma. E’ l’utimo in ordine cronologico di tanti episodi di violenza che avvengono nelle scuole. Genitori violenti ed intolleranti, ragazzini viziati e indisciplinati. Professori spesso indifesi e isolati. E’ questa la scuola che vogliamo? La violenza non è mai tollerabile, e non è ne un mezzo per risolvere i problemi, laddove ce ne fossero, ne un mezzo di educazione per i nostri figli, che a loro volta si sentono legittimati ad agire allo stesso modo. Ma queste sono banalità per me, che non si dovrebbero neanche rimarcare. Ciò su cui ci dobbiamo soffermare però non sono le estremizzazioni come queste, che sono fortunatamente casi eccezionali anche se purtroppo non infrequenti, e andrebbero gestite meglio con protocolli di sicurezza scolastica più adeguati, mi soffermo in generale sul nostro approccio verso i professori. E parlo di noi genitori. La scuola ha mille difficoltà. Economiche laddove a volte ci tocca portare anche la carta igienica. Strutturali con edifici fatiscenti. Didattiche con programmi spesso inadeguati e non adatti all’evoluzione sociale delle generazioni, metodologie di erogazione delle lezioni obsolete e professori talvolta incompetenti nelle materie ma cosa ancor più grave inadatti all’insegnamento. Bene. Tutto vero. Non mi soffermo però sulle recenti riforme scolastiche. Oggi punto i riflettori su di noi, e dico: ma noi genitori in tutto questo? Lo dico con competenza per essere stato attivo nel liceo di mio figlio con un ruolo di coordinamento dei genitori. Noi genitori siamo sempre più assenti. Distratti. Poco coinvolti nelle attività scolastiche. Non facciamo quell’osservatorio importante che serve alla scuola per migliorare. Spesso ci ergiamo a giudici contro i professori senza cercare di essere obiettivi ed imparziali, verso i comportamenti dei nostri figli. Spesso abbiamo figli bulli e non lo vogliamo ammettere. Spesso, sempre più spesso, non parliamo con i nostri figli. Potrei citare mille aspetti. Allora forse una riflessione va fatta. Io inizio da qui, con voi.

Fonte La Repubblica

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...