Lo Sbadiglio – Codice Antimafia: finalmente è legge.

targaCi sono voluti 4 lunghi anni per partorire un provvedimento che finalmente fornisce ulteriori strumenti di prevenzione e contrasto alle attività mafiose. Ma ora è legge. Ed è come sempre una conquista di libertà. Tante le misure inserite in questa nuova riforma, che sposta a Roma il presidio dell’Agenzia per i Beni Confiscati. Ed il fatto stesso che in Italia venga costituita una sezione speciale sotto il coordinamento del Ministero dell’Interno, con 200 dipendenti, per gestire tutto il patrimonio confiscato al crimine organizzato, la dice lunga di quanta strada ci sia da fare per la prevenzione del fenomeno mafioso. E c’è chi come il Movimento Cinque Stelle e Forza Italia, a questo provvedimento, figlio di un lungo e duro lavoro delle commissioni parlamentari, ha potuto votare contro. Nella mia testa provvedimenti di questo spessore, su questi temi, dovrebbero avere un iter “bipartisan”. Ma evidentemente ne Grillo ne tantomeno Berlusconi riconoscono prioritario intervenire nella lotta alle mafie, anche con provvedimenti non esaustivi, come probabilmente questo. O probabilmente come diceva qualcuno, anche per loro la mafia non esiste. Invece da una lettura attenta, il provvedimento si presenta come un grande passo in avanti. Rafforzare gli strumenti di contrasto, allargare i perimetri dei reati, creare nuovi protocolli di intervento nel settore agroalimentare, inserire corruzione e peculato fra i reati, e tanti altri importanti aspetti che rappresentano un caposaldo nuovo per tutto il sistema giudiziario. La mafia resta sempre una montagna di merda. E la si vince combattendola ogni giorno. Dai piccoli gesti di legalità quotidiana, ai grandi gesti di impatto collettivo come questo, si costruiscono le grandi storie della nostra libertà. E si costruiscono insieme. Perchè la vita è fatta soprattuto di scelte.E la più importante, quella che ci rende davvero liberi, è scegliere da che parte stare.

Fonte Corriere della Sera Articolo QUI

Photo Credits Roberto Furesi

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...